L’UNICA CERTEZZA CHE HO

Image result for bersaglio"

Ho poche certezze nella vita perchè come noto TUTTO è soggetto all’eterna legge del cambiamento.

Il nostro fisico cambia negli anni, invecchiando; il nostro carattere anche, plasmandosi in relazione agli eventi che viviamo ( e a cui reagiamo) ogni giorno che passa. E’ soggetto al cambiamento il denaro depositato nel nostro conto in banca,  il nostro nucleo famigliare, le nostre amicizie, i rapporti fra gli stati, la moda, il nostro vacabolario,  il numero di nei che abbamo o non abbiamo sul nostro corpo, etc…

Pur vivendo in un mondo “liquido” e in costante trasformazione, conservo però una certezza: nonostante i miei pregi e i miei difetti, so di essere una persona unica e irripetibile, frutto dell’evoluzione biologica (BIO), con una mente pensante (PSICO), inserita in un contesto (SOCIO).

Se voglio imparare a sopravvivere in questo mondo, con tutti i suoi limiti e le sue storture, le sue bellezze e le sue perplessità, so che potrò sempre affidarmi ad un modello interpretativo per poter leggere e comprendere  la mia natura e la realtà in cui sono inserita.

Abbracciare questo modello, detto bio-psico-sociale, significa ricordarmi che per crescere nell’esperienza è importante imparare a conoscermi dal punto di vista biologico, psichico e sociale.

Così a  livello biologico, sono certa e  consapevole di avere:

  • un corpo (con tutte le sue fattezze);

  • un patrimonio genetico (assolutamente unico e irripetibile, ma anche frutto di fattori ereditari che mi ricordano l’appartenenza ad una catena generazionale);

  • un genere;

  • un organismo complesso (con tutti i fattori che ne determinano il funzionamento…)

Sul versante psicologico, sono  consapevole di essere dotata di:

– processi cognitivi (percezione, apprendimento, memoria, linguaggio, pensiero, intelligenza, …);

– vita affettiva (emozioni, sentimenti, stati d’animo, tono dell’umore…);

– inconscio (la dimensione psichica che sfugge al mio controllo cosciente );

– dimensione spirituale ( come il risveglio della consapevolezza nella meditazione…)

Vivere in modo armonioso, nel rispetto dei miei sentimenti e di quelli altrui, mi proietta nella terza dimensione del modello bio-psico-sociale, cioè dell’Essere in relazione con la sociologia.

Il livello sociale mi stimola a riconoscere:

  • l’imprescindibile aspetto delle relazioni nella vita individuale, che è relazionale dal primo momento in cui viene concepita ( è dall’unione di due cellule che nasce la vita);

  • – la dimensione sociale dell’individuo che si inscrive sempre in un ambiente, in un contesto, e più in generale in tutti gli aspetti fisici del luogo in cui ci troviamo a vivere (incluse le determinanti della geografia e del momento storico in cui si nasce e in cui si svolge la vita di ciascuno);

  • quanto il fattore sociale inglobi gli aspetti specificatamente culturali e religiosi della nostra esistenza.

In questo modello, una sorta di bussola o mappa concettuale in cui  TUTTI ci possiamo orientare, diventano quindi centrali tre discipline, strettamente interconnesse tra loro:

la Biologia, la Psicologia e la Sociologia.

Ecco perché questo blog esplora la nostra natura in una prospettiva olistica ( dal greco “olos” = tutto): a seconda dei contenuti proposti, gli articoli pubblicati nel blog rientrano infatti nelle categorie “bio”, “psico” e “socio”, nel rispetto del modello BIO-PSICO -SOCIALE da me abbracciato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...