Archivi tag: realtà

Qual è la tua storia?

Risultati immagini per donna che cammina di spalle

Non so se capita anche a voi, comunque a volte ripenso a cosa combinavo anni fa e ora che ne ho 30+1  mi sembra che ridendo e scherzando di esperienze ne ho accumulate negli anni. Magari non ho seguito pedissequamente gli standard dei miei coetanei, cioè trovare un ragazzo, fidanzarsi, convivere o sposarsi, mettere al mondo dei figli etc… però ho vissuto altrettante esperienze di vita che hanno scandito il mio percorso fino a qui e hanno contribuito a farmi diventare in bene e in male, quella che sono Oggi.

Il coaching in particolare ci insegna un metodo per poter riflettere consapevolemente sulla propria Vita, valorizzando quelli che sono stati i nostri successi nel corso degli anni, qualora ce ne fossimo dimenticati, aiutandoci così a mettere a fuoco la nostra condizione attuale alla luce delle scelte che abbiamo effettuato in passato.

Questo metodo consiste nel ritagliarci del tempo per noi stessi per poter scrivere la nostra storia. Possiamo cominciare da quando siamo nati, passando per i nostri studi, il lavoro, le relazioni significative, cosa ci ha portato fino a qui, nel giorno stesso in cui scriviamo. L’aspetto interessante di scrivere e tenere un resoconto autobiografico è scoprire e portare in luce che cosa decidiamo di raccontare, quali tipologie di esperienze, in che modo le argomentiamo, quali emozioni facciamo riaffiorare ( rammarico? tristezza? gioia? gratitudine?).

E’ importante ricordare che ognuno di noi utilizza quotidianamente dei filtri percettivi nel processare quella che chiamiamo “realtà”, e che quindi tutto ciò di cui facciamo esperienza, che nutre la nostra vita emotiva o sulla quale riflettiamo più o meno consapevolmente, non sono altro che “porzioni di realtà” che abbiamo selezionato sulla base delle nostre personali convinzioni, credenze, e valori di base. In una parola, sulla base delle nostre mappe. Quindi qual è la tua storia? Se dovessi raccontarla oggi, cosa ti affiora e cosa no?

Tempo fa mi è stato chiesto di scrivere una presentazione di me stessa, del mio percorso, di raccontare la mia storia. L’ho impaginata in terza persona e scrivendo mi sono accorta che l’utilizzo della terza persona ci permette di creare quella distanza necessaria per poter “recuperare” la nostra storia cronologica ed emotiva, adottando l’ottica del c.d “osservatore”, come se stessimo quindi guardando il film della nostra Vita.

Ho pensato di riproporre la mia storia, quantomeno per ricordarmi a 40+1 cosa ho fatto fino ai 30 ; )

Laura Pagano nasce a Modena il 09-06-1985. Nel luglio 2004 si diploma presso il liceo scientifico “M.Fanti” di Carpi, all’ indirizzo socio-psico-pedagogico. Nello stesso anno decide di continuare il suo percorso di studi umanistici iscrivendosi ad un corso di laurea triennale in Servizio Sociale, presso la Facoltà di Scienze Politiche di Bologna.

Il corso di laurea è finalizzato ad abilitare alla professione la figura dell’Assistente Sociale (AS): un “tecnico dell’assistenza” che svolge la propria attività all’interno di un sistema organizzato in favore di individui, gruppi e famiglie, per prevenire e risolvere situazioni di disagio e bisogno.

Nel febbraio 2008 Laura termina il suo percorso di studi e supera l’Esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione ( ad oggi è regolarmente iscritta all’Albo degli AS dell’Emilia – Romagna – sezione B). Nel 2009 intraprende finalmente la sua “carriera” come AS, percorso che abbandonerà dopo una breve parentesi, nel momento in cui comincia a maturare una nuova consapevolezza circa la natura del suo MANDATO PROFESSIONALE in relazione a quella che è la sua AUTENTICA NATURA.

Laura decide così di aprirsi a nuove prospettive di senso, dedicandosi ad una delle sue grandi passioni: il teatro creativo e di improvvisazione. Reduce da un brillante percorso come allieva al laboratorio stabile di Teatro Creativo di Soliera (MO) promosso dal regista e attore Stefano Cenci, nel 2010 decide di proporsi come attrice comica partecipando ai concorsi locali per cabarettisti emergenti.

E’ in quell’anno che incontra Michael Capozzi, attore di cabaret, con il quale intesse un rapporto di amicizia che verrà consolidato negli anni successivi. Sarà Michael a far incontrare Laura e Romana Monduzzi, formatrice per le risorse umane: l’incontro proficuo tra le due donne segna uno spartiacque nella vita di Laura che da allora comincia ad appassionarsi al mondo della formazione e dello sviluppo personale in generale, trovando finalmente una corrispondenza fra la sua natura e il ruolo di formatrice.

Nel 2011 decide di formalizzare il suo interesse per la formazione, iscrivendosi al corso di laurea magistrale in Scienze dell’Educazione Permanente e della Formazione Continua presso la facoltà di Scienze della Formazione di Bologna.

L’esigenza di ri-comporre la frammentarietà che porta con sé il precariato attuale, spinge Laura a scrivere un libro sulla sua personale esperienza. In marzo 2013 pubblica così il Manuale del Giovane Precario. Esperienze personali e consigli utili, edito da Fefè Editore (Roma).

In marzo 2015 si laurea quindi come Formatrice per l’Educazione permanente ( per la promozione della crescita e dello sviluppo personale sociale e culturale) e per la Formazione continua (rivolta specificatamente alla riqualificazione professionale e all’attività di aggiornamento del lavoratore).

Dal 2013 collabora come autrice per i magazine on-line:  www.ecletticamente.com e http://www.in-formazione.net. E’ autrice del blog:  https://educazionepermanente.wordpress.com..

L’obiettivo di Laura è quello di trasmettere ai suoi clienti, acquisiti e potenziali, ciò che ha imparato nel suo percorso di formazione ( il binomio creatività e disciplina) nel rispetto dei suoi valori più importanti: coraggio, umiltà e passione.

 

 

 

 

Annunci

1966 = 2015

“Si respira un aria che addormenta, piena di bacilli che corrompono.
La tendenza a scavarsi ciascuno – in questa realtà morbida, instabile, disorientante – una piccola nicchia di quiete personale, è diffusa come un’epidemia.
L’arte del compromesso è alla portata di tutti.
Diventiamo meschini senza accorgercene, proprio come si diventa vecchi o pazzi.
La lezione della moderazione, del buon senso, del senso comune, si fa ossessionante. Le “piccole virtù” prendono il posto della “grande passione”, come un matrimonio di convenienza.
Le “grandi passioni” sono faticose: è facile stancarsene.
Se siamo noi a cedere, ad abbandonarci a una vita “senza passione”, a non provare rabbia per come va il mondo, a guarire dalla nausea, a rinunciare all’azione, possiamo ottenere due risultati, per noi ugualmente negativi:
nel caso migliore (per loro) saranno i figli a rivoltarsi contro di noi, a fare contro di noi la loro “rivoluzione culturale”;
nel caso peggiore, alleveremo dei piccoli ipocriti carrieristi. Bravi tecnici, magari, ma odiosi “benpensanti”.

Gianni Rodari

(1920-1980)