Archivi tag: ringraziare

Le tre R della crescita personale

 

Risultati immagini per respiro

E’ da giorni che avevo in mente di scrivere un articolo su tre parole chiave della crescita personale, che iniziano tutte per R…

Così le ho concettualizzate e così le scrivo:

1- RESPIRA

2- RALLENTA

3- RINGRAZIA

Vediamole una alla volta:

1- RESPIRA

Io personalmente ho cominciato a respirare “bene” molto tardi… quando ho cominciato a fare teatro, nel 2005, e mi hanno insegnato la respirazione diaframmatica.. che sarebbe la respirazione corretta da compiere contrapposta alla respirazione toracica… che putropppo ho la tendenza a reiterare… perchè siamo sempre di corsa, perchè non c’è tempo di fermasi e … RESPIRARE APPUNTO!!! Da giorni mi sto imponendo di respirare col diaframma, quel muscolo a forma di cupola asimmetrica, disposto trasversalmente appena al di sotto dello sterno e delle costole, che divide la cavità toracica da quella addominale. Al di là dell’aspetto più “salutare” della respirazione, mi sembra importante offrirne anche una visione più spirituale così come elaborata da Osho:

Se riesci a essere padrone del tuo respiro diventerai padrone delle tue emozioni.”

“Non hai mai osservato che il respiro cambia con il cambiare delle emozioni? Quando sei arrabbiato, respiri in un certo modo; cerca di osservare come respiri quando sei in collera e poi, quando ti senti andare in collera, prova a respirare in maniera diversa: non riuscirai ad arrabbiarti. Ti puoi arrabbiare solo con una respirazione particolare.
Quando sei innamorato, osserva il tuo respiro: il suo ritmo, la musica, l’armonia. Disturba quell’armonia, e l’amore svanirà. Oppure, crea quell’armonia e apparirà l’amore.
Se riesci a essere padrone del tuo respiro – ed è una scienza profonda – diventerai padrone delle tue emozioni. Mentre fai l’amore, osserva come respiri: quella respirazione è fondamentalmente legata all’atto sessuale. Non puoi fare nulla che non sia profondamente collegato al respiro”

Dalla respirazione passiamo all’arte di rallentare:

2- RALLENTA: Rallentare si, prendersi un momento per sè stessi, imparando a riprenderci il tempo dell’ascolto. Scrive Sun Bear:

“Abbiamo dimenticato i canti e le storie che porta con sè il vento. Abbiamo dimenticato come ascoltare la saggezza delle pietre che dall’inizio di tutti i tempi stanno al loro posto su questa terra. Abbiamo dimenticato quanto l’acqua possa rinfrescarci e rinnovarci.  Abbiamo dimenticato come si ascoltano le piante che ci insegnano quali fra loro cogliere per il nostro benessere. Abbiamo perso la capacità di spiare gli animali che con gentilezza ci offrono la loro saggezza, il loro riso, il loro amore, e loro stessi come cibo. Ci siamo chiusi a tutte queste relazioni, e tuttavia ci chiediamo perchè, così spesso, ci prende la noia e la solitudine”.

Rallentare per riscoprire la bellezza di ciò che ci circonda, imparando ad esercitare la terza R:

3- RINGRAZIA: possiamo riscoprire la potenza di questa parola ESERCITANDO la gratitudine, ovvero quel “sentimento e disposizione d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene, ricordo del beneficio ricevuto e desiderio di poterlo ricambiare” (fonte: treccani.it)

Esercitare quotidianamente la gratitudine  ci può aiutare progressivamente a liberarci dalle zavorre del passato, sforzandoci di focalizzare la nostra attenzione  su quanto di buono ci ha lasciato un momento particolare della nostra vita.

RINGRAZIANDO A PRESCINDERE DALLE CIRCOSTANZE, anche se a volte può risultare umanamente difficile .

Non bisogna temere le ombre:

“sono solo la prova che c’è una luce che splende”!

Grazie,

Laura